In questo articolo si parla di:

Dal 13 al 15 settembre torna Orme, il Festival dei Sentieri, che in questa seconda edizione si svolgerà nuovamente a Fai della Paganella. L’evento potrà contare sul supporto di Aku in qualità di sponsor (come avevamo raccontato in questa news) e porterà nel bosco la musica, i sapori, gli spettacoli, l’arte e molto altro. Orme, che nella scorsa edizione ha chiamato a raccolta oltre 3.000 persone, è un progetto dedicato al camminare, alla scoperta della natura a passo lento, ma anche alla cultura e alle emozioni che spesso fioriscono proprio quando ci si allontana dalla frenesia della quotidianità.

Nel weekend sono previste diverse passeggiate: si inizierà all’alba con il percorso del Sentiero dell’Amore. Ma il divertimento e il relax saranno assicurati anche per i più piccoli  grazie al Sentiero delle Fiabe, una passeggiata nel bosco per vedere comparire personaggi e ascoltare storie grazie al teatro nel cuore della natura. Tra i protagonisti delle fiabe anche le anguane, figure mitologiche tradizionali delle montagne di Fai della Paganella. Merita una menzione speciale anche il Sentiero dei Sapori, che inizierà con l’aperitivo nel bosco per poi raggiungere una radura dove tradizione e innovazione si incontreranno. Da una parte i piatti del passato, dall’altra la reinterpretazione di questi fatta dal executive chef stellato Walter Valerio. Spazio, poi, al Sentiero Wooding, con la chef Valeria Margherita Mosca che insegnerà raccogliere e cucinare le erbe selvatiche. Infine, sull’onda del successo dello scorso anno, è prevista la Passeggiata a 6 zampe, esperienza di comunicazione tra uomo e cane per piccoli gruppi.

Oltre alle camminate, il programma di Orme è composto da altri appuntamenti. A partire da quello di venerdì 13 con il convegno Ben-essere, uomo e bosco, dedicato allo sviluppo territoriale legato al turismo lento, con l’artista Federico Ortica, lo scienziato Antonio Brunori, Francesca Favati di Waldenviaggi e lo storico, esperto di cammini, Matteo Melchiorre. Sabato 14  sarà possibile assistere al concerto gratuito di Angelo Branduardi, le cui note raffinate faranno da contrappunto al silenzio del bosco. Grande attesa anche per la performance Resonant Trees, una creazione del sound artist Federico Ortica che trasformerà il bosco e gli alberi in una installazione sonora e luminosa, dove saranno gli alberi stessi a diventare strumenti.

Crediti fotografie: Danieli