In questo articolo si parla di:

Continua ad aumentare il numero dei partecipanti all’European Outdoor Summit (EOS), che si svolgerà dal 26 al 27 settembre a Interlaken, in Svizzera, presso il Centro Congressi Kursaal. Tra coloro che hanno già confermato la loro presenza, prenotando all’apposito link, troviamo i delegati di Schöffel, Osprey, Lowa, Primaloft, Ferrino, Ecco, Vaude, Scarpa e Buff. E molti altri si stanno iscrivendo proprio in questi giorni. Ricordiamo inoltre che anche nel 2019, per il terzo anno consecutivo, Vibram sarà il major sponsor dell’evento.

L’outdoor fa parte del dna di Vibram, ed è per questo che siamo orgogliosi di essere ancora una volta uno dei principali partner dell’European Outdoor Summit. Siamo lieti di dare il nostro contributo per incoraggiare il networking all’interno dell’industria dell’outdoor – ha affermato Davide Canciani, global marketing director dell’azienda di Albizzate.

Oltre a Anne Skare Nielsen (chief futurist e partner for future navigator) che aprirà i lavori dando spazio al tema di quest’anno, che sarà The Outdoor Industry – Redefining Boundaries, sono stati annunciati anche i nomi dei primi relatori.

Pippa Goodman (Client Partner per Foresight Factory) presenterà uno speech intitolato The Changing Boundaries of Engagement. Le logiche che sottendono alla soddisfazione dei consumatori stanno mutando, nuovamente. Questi stanno diventando più selettivi sui luoghi / sulle attività  / sui negozi in cui scelgono di recarsi per interagire di persona. I clienti non si accontentano più del semplice “fare la spesa” ma si aspettano di essere in qualche modo “ricompensati”. I marchi devono quindi trovarsi preparati dinanzi ad un nuovo scenario di mercato, in cui sarà sempre più importante la capacità di coinvolgere e non più solo di vendere al cliente.

Gli altri due relatori, Marta Pellegrino (del team Sustainability Oberalp) e Kai Landwehr (esperto di comunicazione), dimostreranno come Oberalp abbia portato la sua gestione ambientale a un livello superiore collaborando con Myclimate per monitorare e valutare le emissioni di carbonio anno per anno.

E ancora, tra i nomi dei presenti, spicca anche quello di Donna Carpenter,Co-ceo & Co-Owner of Burton Snowboards. Di lei abbiamo già avuto modo di parlare sulla nostra rivista, dipingendola come una figura femminile forte e coraggiosa, capace di coltivare il germe del cambiamento anche in ambito aziendale. All’Eos terrà uno speech intitolato Staying True – The Importance of Company Values. Partirà sicuramente dall’esperienza professionale in Burton, dove quotidianamente lavora per rendere l’azienda sempre più inclusiva. 

Solo lavorando insieme possiamo contribuire al cambiamento. Tra i vari obiettivi anche quello di getting people off their phones and back into the outdoors! (Donna Carpenter)

Magnus Ohlsson, ceo di We Hunt for Heads (agenzia che offre servizi per il retail), intratterrà i partecipanti con The Challenge of Change 2020. Magnus ha lavorato nella vendita al dettaglio e come consulente ha ideato strategie per rendere più forti l’immagine aziendale e il marchio, in un periodo storico in cui le nuove tendenze e l’e-commerce stanno diminuendo sensibilmente la percentuale di guadagno. 

Moderatore sarà Wolfgang Greiner, senior editor scelto da The Outdoor Industry Compass, principale media partner dell’evento. 

Per chi non si fosse ancora iscritto e non avesse ancora scelto in quale hotel alloggiare, ricordiamo che questo può essere prenotato direttamente tramite un link dal sito web di EOS. Con una varietà di hotel tra cui scegliere nelle vicinanze del Centro Congressi, è possibile inserire le date del soggiorno e scegliere l’hotel preferito.