In questo articolo si parla di:

Il cortometraggio (21 minuti) “Donnafugata”, prodotto da Karpos, scritto e diretto da Manrico Dell’Agnola, girato sulla maestosa Torre Trieste nel gruppo della Civetta, è entrato a far parte delle 28 opere di alpinismo selezionate per la 67esima edizione del prestigioso Trento Film Festival (27 aprile – 5 maggio).

“Donnafugata” ha come protagonista la spettacolare Torre Trieste, una delle strutture rocciose più belle al mondo. Racconta la storia di una via moderna aperta nelle Dolomiti, che dà il nome al film, rivissuta attraverso la difficile arrampicata in libera di Sara Avoscan e Omar Genuin. Il fotografo e alpinista Manrico Dell’Agnola, in veste di narratore per parole e immagini, ripercorre gli eventi salienti di novant’anni di storia della solare e strapiombante parete sud, una muraglia gialla che non può non impressionare chi, dalla Capanna Trieste, sale la Mussaia verso il Rifugio Vazzoler.

Per Manrico sono le montagne di casa, gli ambienti che ama e conosce. Questi luoghi sono stati teatro di alcune delle sue avventure alpinistiche più importanti e qui ha mosso i suoi primi passi sulla roccia.Questa volta, però, Manrico si trova dall’altra parte della cinepresa: il suo ruolo è quello di dare voce a una montagna e ai suoi protagonisti. La narrazione saliente del film si concentra infatti su Donnafugata, una via aperta con concezione moderna dal campione altoatesino Christoph Hainz nel 2004.

I giovani atleti che percorrono la via sono due fuoriclasse dell’arrampicata bellunese (e non solo): Sara Avoscan (8c) e Omar Genuin (8c+), una coppia di Falcade, compagni di vita e non solo nelle scalate. Due personaggi timidi e riservati, ma fortissimi e determinati sulle difficili vie dolomitiche, che vantano nei rispettivi palmarès alcune vie fra le più impegnative delle Dolomiti e per Sara anche notevolissimi risultati nelle gare di arrampicata sportiva.

Il cortometraggio “Donnafugata”, fortemente voluto da Karpos, sarà proiettato martedì 30 aprile alle 11 alla Multisala Modena (Sala 3) e sabato 4 maggio alle 19 al Supercinema Vittoria.