In questo articolo si parla di:

Si è conclusa venerdì 8 febbraio a Feltre, con la proiezione di quattro cortometraggi tra cui Zabardast (uno degli “snow-movie” più apprezzati del 2018), la terza edizione di NATURAE. La rassegna di film, incontri e immagini ideata da Aku ha portato nelle località di Feltre, Montebelluna, Pieve di Soligo e Valdobbiadene una serie di proiezioni che sono state seguite da un pubblico numeroso. Gli spettatori hanno apprezzato la scelta di film che, come in ogni edizione, dedicano un’attenzione speciale al rapporto uomo e natura. L’evento è stato reso ancora più interessante e sociale grazie alla possibilità da parte del pubblico di conoscere i protagonisti di alcuni film e instaurare un dialogo con loro.

La prima tappa di NATURAE è stata quella di Montebelluna, dove si è iniziato a parlare del tema di una natura sempre più sofferente e bisognosa di cure, ma anche della capacità rigenerativa della terra. A supporto di tali argomenti c’è stata anche una mostra di illustrazioni di Chiara Abastanotti, dedicata alla foresta e ai suoi abitanti immaginari. La scena si è poi spostata a Feltre con l’inaugurazione delle opere degli artisti Ida Harm e Roberto Mainardi. Anche se dal punto di vista cinematografico l’evento ideato da Aku è da considerarsi chiuso, fino al 24 febbraio sarà comunque possibile continuare a vedere le opere in piazza Maggiore e al Museo Diocesano.

Gli ospiti e le installazioni artistiche hanno accresciuto la qualità di NATURÆ, tanto che molti partecipanti hanno reputato questa edizione ancora più interessante delle precedenti, grazie ai film di qualità e coerenti al tema della rassegna. Questa terze edizione, dunque, ha permesso all’evento di conquistare un posto ancor più di rilievo tra le rassegne cinematografiche dedicate alle attività sportive outdoor e alla vita a contatto con la natura.