In questo articolo si parla di:

Nuova importante partnership per Kayland, da sempre sinonimo di tecnicità e prestazioni. L’azienda ha infatti accolto nel proprio team uno dei più grandi alpinisti contemporanei, Denis Urubko, noto per le sue imprese estreme e per la costante capacità di raggiungere nuovi traguardi e mete. Nato in Unione Sovietica nel 1973 e formatosi tra le vette del Kazakistan, Denis è diventato nel 2009 il quindicesimo uomo a completare l’ascensione di tutti i quattordici ottomila al mondo, addirittura il nono a compiere questa impresa senza l’aiuto dell’ossigeno. Nel 1999 Urubko ha completato i cinque settemila russi in un periodo di soli 42 giorni, con conseguente ottenimento del premio Snow Leopard. Nel 2000 invece comincia la sua conquista degli ottomila dalla montagna più alta, l’Everest, che prosegue fino al 2009, quando riesce a completare tutti gli ottomila, aprendo una nuova via sulla parete sud-est del Cho Oyu. Questa impresa, riconosciuta e celebrata anche in ambito internazionale, gli vale l’attribuzione dell’importante premio Piolet d’Or nel 2010. Altre imprese sono quelle compiute con l’amico Simone Moro, insieme al quale realizza le prime ascensioni invernali del Makalu (2009) e del Gasherbrum II (2011).

La collaborazione coinvolge anche la compagna di Denis, María José Cardell, detta Pipi, anch’essa alpinista di livello internazionale e compagna di cordata nella spedizione in Patagonia, in corso in questi giorni con l’obiettivo di ripetere la via dei Ragni sul Cerro Torre. La coppia è motivata dall’opportunità di poter lavorare con Kayland e contribuire, con l’esperienza, la sensibilità e la conoscenza di tutti gli aspetti della montagna, allo sviluppo di nuovi prodotti per alpinismo e spedizione. Anche per questo motivo, Denis e Pipi hanno voluto legarsi a Kayland con un importante accordo pluriennale, che consentirà loro di seguire ogni fase di progettazione e sviluppo delle calzature e di contribuire all’affermazione del marchio in tutto il mondo.