In questo articolo si parla di:

ph. Dino Bonelli

Michele Graglia, il primo italiano a vincere la mitica Badwater 135 – la gara su strada più dura in assoluto – e il primo al mondo ad aver vinto la gara più fredda del globo – la Yukon Artic Ultra con i suoi -40° – calzerà e vestirà La Sportiva, il marchio italiano che sta spopolando anche nel trail running a stelle e strisce.

Decisione presa dopo un breve periodo di test su tutti i terreni e in differenti distanze. Tra le scarpe di suo gradimento ci sono le Bushido sulle distanze corte e le Acasha su quelle più lunghe. Mentre sulle Unika, le nuovissime calzature da ultra-running della casa trentina, Michele non si sbilancia ancora. Non le ha provate a sufficienza perché gli sono arrivate solo dopo la Badwater, quando le gambe dure non gli hanno permesso di percorrere grandi distanze e grandi dislivelli, misure queste di cui la nuova creatura La Sportiva ha bisogno per esaltarsi.

Dopo la mitica Death Valley, Michele Graglia affronterà l’attraversamento del deserto dell’Atacama di corsa (1.200km), in Cile.

La scelta tecnica sul materiale da usare non poteva quindi esser casuale.