In questo articolo si parla di:

Sfumata la possibilità, per gli atleti dello scialpinismo italiani e non, di fregiarsi del tanto agognato titolo olimpico. Sono stati in molti ad averci sperato davvero fino all’ultimo ma, alla fine, così è stato deciso: Pechino ha detto sì a snowboard cross e alle discipline aerials del freestyle. Ha detto sì persino al big air, specialità del freeski. Ma ha detto no allo scialpinismo. Il 18 luglio a Losanna, data di approvazione del programma olimpico cinese del 2022, la voce scialpinismo non faceva capolino tra le tante discipline invernali. Così è stato deciso. Non resta, per i più ottimisti, attendere il 2026 per scoprire se qualcosa sarà cambiato e se anche lo skialp potrà entrare a far parte, dopo numerose altre discipline, per assurdo meno conosciute e blasonate, degli sport olimpici.