In questo articolo si parla di:

Lo avevamo anticipato in un precedente articolo (leggi Cade il consiglio federale Fasi: la lettera dei dimissionari) ed è successo. Il CONI ha commissariato la FASI al fine di portarla  a nuove elezioni e ha dato fiducia all’ex campione di sciabola Giampiero Pastore nominandolo commissario straordinario in questa fase delicatissima per l’arrampicata sportiva, che si trova a due anni dal suo esordio alle Olimpiadi.

In relazione al nuovo incarico, Pastore ha con queste parole ringraziato la fiducia accordata da Giovanni Malagò, presidente del CONI:

“Ringrazio il Presidente Malagò per avermi scelto per questo importante incarico. Sono orgoglioso di ricoprire tale ruolo per una Federazione che si appresta ad affrontare una grande sfida sportiva rappresentata dall’esordio ad un’Olimpiade. Garantisco il massimo impegno per assolvere ai miei compiti nel modo migliore, rispettando tutte le sensibilità proprie della Federazione nella rigorosa osservanza dei regolamenti.” Riguardo la durata del suo incarico, non indicata in occasione della nomina, il Commissario precisa: “Sarà necessario aggiornare lo Statuto federale ai Principi Fondamentali del CONI che recepiscono i dettami della legge dell’11 gennaio 2018, n. 8. Fatto questo si potrà procedere con la ricostituzione degli Organi Federali attraverso lo svolgimento dell’Assemblea elettiva”.

Pastore, classe 1976, oltre ad avere una lunga esperienza come atleta (nel suo curriculum sportivo figurano due medaglie olimpiche ad Atene e a Pechino e cinque titoli mondiali), è laureato in giurisprudenza ed esercita come avvocato.

Fonte: federclimb.it