In questo articolo si parla di:

Che nei paesi nordici ci sia un a sensibilità superiore alle tematiche ambientali è molto più che un pregiudizio positivo ma senza dubbio una realtà oggettiva. Ecco perché dunque non sorprende che lo Scandinavian Outdoor Group (SOG) abbia annunciato di aver sottoscritto l’adozione della European Outdoor Group (EOG) Sustainability Charter. Questa carta fissa i principi di una buona appartenenza all’associazione secondo la responsabilità  sociale e ambientale e struttura delle tappe e degli obiettivi di un percorso verso le migliori pratiche in questo campo. C’è stato un consenso unanime all’ultimo meeting annuale dello SOG a proposito del adozione della Sustainability Charter e del rendere obbligatori i suoi obiettivi fissati nella carta a tutti i 64 membri del gruppo.

Di cosa di stratta

Lanciato nel 2016, la  EOG Sustainability Charter è stata sviluppata dal CSR and Sustainability Council dell’associazione, in collaborazione con alcuni stakeholder chiave esterni. Il progetto è stato guidato da  Pamela Ravasio, EOG head of CSR and sustainability, che ha lavorato con la sua collega Dr. Katy Stevens. Le aziende e altre organizzazioni che firmano questa carta di impegni volontari esprimono il proprio supporto al lavoro che EOG sta portando avanti sul tema della sostenibilità. I firmatari si adeguano così a un’agenda condivisa e si impegnano a perseguire un futuro più sostenibile per tutti. Chiaramente, la EOG Sustainability Charter non è prescrittiva, ma fornisce un impianto e delle tappe strategiche articolate di un percorso verso obiettivi di sostenibilità per tutto il settore outdoor. Il team che lavora sulla Sostenibilità e sulla CSR di EOG offre pronto supporto alle organizzazioni che sottoscrivono la carta, fornendo consigli, dati e assistenza per aiutarli a completare ogni tappa del percorso con i propri tempi e risorse. La carta si inserisce all’interno degli altri progetti di EOG come il lavoro di lobby sulle istituzioni e il miglioramento della collaborazione e trasparenza nel settore per il beneficio di tutti.

Pamela Ravasio (in foto) commenta

“Siamo molto lieti che lo Scandinavian Outdoor Group abbia preso una così netta posizione di leader in questo campo adottando la Carta. Questo è un chiaro messaggio al settore sull’importanza del lavorare in modo collaborativo verso un futuro più sostenibile e mostra quanto il gruppo Scandinavo sia determinato su questi temi. Insieme ai miei colleghi non vedo l’ora di lavorare con SOG per assicurare un futuro vitale e sostenibile al settore”.

Sara Wänseth, segretaria generale di SOG aggiunge: “La nostra principale ambizione all’interno dello Scandinavian Outdoor Group è di lavorare in modo collaborativo per diventare più forti insieme. Una strategia chiave oggigiorno è unire le forze per lavorare verso un’industria degli sport outdoor più sostenibile. Insieme possiamo fare la differenza”.

europeanoutdoorgroup.com