In questo articolo si parla di:
Patagonia smaschera la bugie di Trump sui National Monument

Giovedì 29 marzo sulla homepage di Patagonia oltre alle normali immagini di prodotto e di dighe e di panorami mozzafiato uno sfondo di forte impatto faceva capolino: lo schermo nero con il messaggio “Il presidente ruba la tua terra e ti è stato mentito”. Patagonia si riferisce a quanto ormai ha scoperto e con lei il pubblico americano da quando l presidente Trump a dicembre ha ridotto i national monuments di Bears Ears and Grand Staircase-Escalante, ovvero che la scelta è figlia degli interessi delle compagnie di petrolio, carbone, gas e uranio in queste aree.

Patagonia smaschera la bugie di Trump sui National Monument 1

La schermata rimandava al post del blog di  Lisa Pike Sheehy, vicepresidente dell’attivismo ambientale di Patagonia, la quale entrava nei dettagli su come il taglio a queste aree naturali “non è altro che un favore politico” ed è “deliberatamente e direttamente influenzato dall’industria energetica attraverso milioni di dollari di quella lobby. Patagonia svela cosa vuole davvero l’industria estrattiva attraverso i numeri:

90.000 acri di nuove concessioni di petrolio e gas per e quali il settore ha espresso interesse lungo il confine est dell’area orgiinale di Bears Ears.

500.000 tonnellate di uranio prodotti nel corso dei prossimi vent’anni a Bear Ears e attorno se nuovi permessi e espansioni saranno permesse.

11,4 milioni di tonnellate di carbone estraibile sul Kaiparowits Plateau, nel cuore di Grand Staircase-Escalante, la più grande area estrattiva di carbone nello Utah

Patagonia ha infatti fatto causa all’amministrazione Trump per questa sua politica. L’azienda sta spronando le persone perché ricordino che le publi lands vanno protette, facendo sentire la propria voce anche attraverso il prossimo voto di novembre. Patagonia nei mesi scorsi è stata attaccata per questa sua presa di posizione. Il membro del Congresso Rob Bishop, rappresentante del primo distretto dello Utah, ha lanciato l’accusa che il messaggio “The President Stole Your Land” fosse una campagna pr e una bugia.

Il Bureau of Land Management ha tenuto quattro incontri con il pubblico per valutare i piani di getione dei monumenti naturali e l’ultimo si è tenuto lo scorso giovedì 29 marzo e le persone possono lasciare commenti in queste due settimane successive, nel caso di Bears Ears all’indirizzo mail blm_ut_monticello_monuments@blm.gov e nel caso di Grand Staircase a BLM_UT_CCD_monuments@blm.gov

 

eu.patagonia.com