In questo articolo si parla di:

“La montagna, la mia vita tra zero e 8000” è il tour inaugurato da Hervè Barmasse a Ponte San Nicolò (PD) e Rodengo Saiano (BS), rispettivamente il 6 e 7 novembre, che porterà l’alpinista valdostana in giro per tutta l’Italia. Hervè, in un’ora e mezza di monologo, ha ripercorso i suoi primi 40 anni insistendo sulla prestazione sportiva e su se stesso, su ciò che la montagna rappresenta e quello che la vita, attraverso di essa, ti insegna.

“Perché salire sullo Shisha Pangma, come io e David Goettler abbiamo fatto lo scorso maggio, tende a essere considerata un’impresa speciale, lontana dalla normalità delle persone. Se invece insisti di più sul lato umano dell’impresa, sul percorso fatto per arrivare fin lì, tu scendi da quella cima e vai incontro alle persone”.

Le prossime serate del tour proseguiranno a Robbio (PV, 16 novembre), Cantù (CO, 23 novembre), Vezzano (TN, 24 novembre), Albino (BG, 25 novembre), Reggio Emilia (28 novembre), Forlì (29 novembre), Lumezzane (BS, 30 novembre), Marano Vicentino (VI, 1 dicembre) e Torgnon (AO, 6 gennaio).