In questo articolo si parla di:

Sympatex continua la sua azione nel realizzare prodotti green con un secondo importante progetto: una scarpa da bambino ricavata al 90 per cento da materie prime riciclate, compresa la suola, composta per oltre i due terzi da gomma riciclata. Si tratta del secondo progetto di questo tipo realizzato dall’azienda nel giro di poco tempo, dopo la giacca funzionale 4.0 presentata per la prima volta all’OutDoor di Friedrichshafen a giugno 2017, ricavata da 32 bottiglie di PET.  In questo Sympatex si candida come uno dei produttori più green tra gli specialisti dell’abbigliamento tecnico e mostra come è possibile già oggi realizzare prodotti più ecologici anche nel comparto calzaturiero. Il modello sarà presentato al pubblico per la prima volta al Lineapelle di Milano (padiglione 22, stand M17-19/ N12-20).

“Da quando è stata fondata Sympatex, circa 30 anni fa, la popolazione mondiale è già aumentata del 50%. Allo stesso tempo, il consumo di risorse del pianeta è cresciuto e ammonta ora all’1,6 della capacità delle stesse risorse di rigenerarsi. Stiamo già dando fondo alle riserve dei nostri figli, ai quali lasceremo in eredità solo montagne di rifiuti”, spiega il Dr. Rüdiger Fox, CEO di Sympatex Technologies. “Con questo nuovo progetto vogliamo contribuire a invertire la tendenza. Non intendiamo creare una collezione di scarpe nostra, ma non smetteremo di indicare con il nostro esempio cosa si può fare già da oggi […]. Invitiamo tutto il settore a imitare senza scrupoli queste idee realizzabili tecnicamente già oggi”, conclude Fox.

Una scarpa per i più piccoli riciclata al 90%

Il materiale di base della scarpa è costituito da laminati con fodera e strato esterno riciclati al 100%, che già fanno parte della gamma Sympatex. La membrana, i cui scarti produttivi vengono interamente riciclati è al 100% in polietere/estere. I tessuti interni e le fodere, entrambi riciclati al 100%, sono fabbricati in fibre di poliestere con certificazione GRS (Global Recycled Standard) o bluesign, ricavate da bottiglie in PET riciclate. Rispetto alla produzione di un chilo di fibre in poliestere ottenute dai derivati del petrolio, quella di un chilo di fibre in poliestere riciclate comporta vantaggi notevoli in termini ecologici: le emissioni di CO2 sono ridotte del 32%, il consumo energetico del 60% e quello idrico del 94%; infatti vengono utilizzati solo 3 litri di acqua invece di 60.  Inoltre, la pelle utilizzata da Sympatex per la tomaia è priva di sostanze tossiche, viene conciata al vegetale e può essere nuovamente immessa nel processo di riciclaggio. Anche per le suole interne, l’imbottitura, i materiali di rinforzo, le cuciture, i lacci e addirittura per le etichette sono stati utilizzati materiali riciclati e riciclabili. L’intera scarpa è quindi realizzata al 90% con materiali riciclati, che a loro volta possono essere immessi nel processo di riciclaggio. La suola è inoltre composta per i due terzi da gomma riciclata.

Scarpa funzionale a impatto neutro sul clima

Inoltre una delle priorità del produttore con sede a Monaco di Baviera è quella di compensare le emissioni di CO2 generate. Oltre alla membrana Sympatex, che viene prodotta a impatto neutro già dall’inizio di quest’anno, anche la scarpa funzionale riciclabile per bambino sarà prodotta compensando le emissioni nell’ambito di un relativo programma di certificazione ambientale. Da inizio 2017 Sympatex aiuta anche i suoi clienti a compensare le emissioni di CO2 grazie alla collaborazione di ClimatePartner, uno studio di consulenze ambientali.

www.lineapelle-fair.it