In questo articolo si parla di:

Dopo diverse riunioni tenutesi nelle scorse settimane a Bellamonte, Passo Rolle e San Martino di Castrozza con gli operatori del Passo (oltre che insieme alle autorità di Primiero), La Sportiva starebbe lanciando (condizionale d’obbligo in attesa dell’ufficialità) in cordata con altri imprenditori trentini un progetto di riqualificazione capace di coniugare promozione del territorio e azione commerciale.

Il protagonista è per l’appunto il Passo Rolle, con il Cimon della Pala, che nel progetto dell’azienda di Ziano di Fiemme verrebbe trasformato in una sorta di “snow-room” dedicata alle alternative più sostenibili dello sci alpino, ovvero scialpinismo, freeride e ciaspole. Fattivamente parlando infatti tra i primi passi da compiere ci sarebbe l’acquisizione degli impianti messi in liquidazione dalla società Sitr, delle attrezzature connesse e del ristorante Chalet la Baita (che potrebbe essere trasformato in ristorante di lusso), con successivo smantellamento delle seggiovie e costruzione di un albergo. La stessa La Sportiva installerebbe un proprio showroom nel resort.

Il progetto rientra in quello più ampio di riqualificazione voluto e sostenuto dalla Provincia autonoma di Trento, sul quale si sprecano tutt’ora le indiscrezioni: dall’abbattimento dell’albergo Passo Rolle alla variante stradale di collegamento con San Martino. Con un unico obiettivo: creare una nuova stazione alpina di qualità e dallo stampo prettamente “green”.

Fonte: l’Adige.it