In questo articolo si parla di:
14 Giugno 2017

Nike ha finanziato uno studio – condotto dal dipartimento di terapia fisica dell’Università dell’Ohio – che ha concluso che gli indumenti per la compressione muscolare non migliorano le performance, ma avrebbero quindi solamente un effetto placebo sui runner.

Lo studio ha coinvolto 17 atleti, che hanno indossato alternativamente leggins e pantaloncini ad alta e bassa compressione prodotti da Nike. I risultati dello studio non hanno mostrato nessuna differenza in termini di prestazione sportiva o di tempo impiegato per una corsa.

L’ipotesi di base dei leggins e degli indumenti sportivi per la compressione muscolare è che comprimendo i muscoli gli atleti subiscono meno vibrazioni, e quindi c’è un minore dispendio di energia. Anche se lo studio mostra che le vibrazioni sono effettivamente ridotte quando s’indossano indumenti a compressione, le cifre non mostrano alcuna differenza in termini di velocità.

“Non ci sono prove che valgano il tempo o il denaro richiesto per acquistare indumenti compressivi”, ha spiegato Ajit Chaudhari dell’Università dell’Ohio.