In questo articolo si parla di:

Minimalismo e compattezza al servizio di chi si muove veloce&leggero

Abbiamo voluto testare questo sacco a pelo in quanto fa parte della linea L.I.M. di Haglöfs, ovvero una collezione di prodotti minimalisti che puntano sulla massima leggerezza per permettere di muoversi in velocità nell’ambiente outdoor. Per avere queste caratteristiche Haglöfs ha adottato per questi prodotti anche scelte particolarmente innovative, come appare evidente proprio da questo sacco a pelo. Cosa è che rende un sacco a pelo in piuma e realizzato con un materiale esterno estremamente comprimibile ancora troppo ingombrante? “Cosa possiamo ancora togliere mentendo lo stesso livello di calore?”, devono essersi chiesti i product manager Haglofs nel progettarlo… La risposta è stata “le zip”, che sono inevitabilmente un elemento non comprimibile e che, per quanto riparate da apposite patte, punti di dispersione del calore. Inoltre, questo sacco a pelo non è chiuso in fondo, lasciando uscire i piedi nel caso si voglio spostarsi da un punto all’altro del luogo di bivacco rimanendo avvolti dal suo tepore.

 

La sua forma a mummia è sufficientemente larga per entrare senza alcuna apertura tramite zip, ma comunque abbastanza attillata da non dissipare inutilmente il calore del corpo. Le due chiusure tramite coulisse ai piedi e sotto il viso permettono infatti di minimizzare la dispersione del calore e sono estremamente rapide da regolare.

 

 

Il test

Scrutando il tratto di cresta del secondo giorno. In basso, riparato da un parapetto di sassi  il terrazzino  Ph. credits Martino Pilatti

Haglöfs consiglia questo sacco a pelo per escursioni in velocità e gare in autosufficienza. Noi lo abbiamo utilizzato in occasioni molto svariate: è stato un fedele compagno di viaggio durante il trekking di 8 giorni e 80 km circa nella regione Islandese del Landmanalauggart, dove abbiamo riposato in rifugi talvolta molto spartani e non riscaldati. A causa del suo ridottissimo ingombro abbiamo rischiato più volte di dimenticarcelo in uno dei punti tappa. Gli altri partecipanti al trekking più e  più volte, guardandone le scarse dimensioni da richiuso, ci chiedevano se si trattava di una giacca a vento, senza immagine invece che fosse il nostro sacco a pelo! Poi ha riscaldato il ventoso (e espostissimo) bivacco sotto le stelle in cima alla seconda torre della infinita cresta Ovest del Salbithshen, in Svizzera, dove, nonostante dormissimo in tre su un solo materassino, non abbiamo affatto patito freddo. È stato un ottimo compagno di viaggio anche per il tentativo di concatenamento delle “Sei Cime” principali delle Alpi Orobie in condizioni invernali così come per un climbing trip “on the road”  tra i campeggi della Corsica a inizio maggio.

Conclusioni

Un prodotto dunque con un range di temperatura in grado di coprire usi molti diversi e che ha il suo grande punto di forza nella leggerezza e nella compattezza una volta richiuso. Ovviamente per essere così leggero i suoi materiali hanno bisogno di non essere maltrattati eccessivamente ed essere sempre protetti dal contatto con il terreno da un materassino. Non è ovviamente adatto a climi molto umidi o a viaggi dove non si ha molte possibilità di farlo asciugare degnamente. È sicuramente il prodotto perfetto per le scalate in velocità, per i trekking in tenda o bivacchi, o per i viaggi in moto e bici. Se proprio dobbiamo trovargli un difetto è una leggera tendenza a perdere un po’ di piume con l’uso. Molto utile anche la possibilità di camminare tenendo indosso il sacco a pelo, magari si potrebbe migliorare questa funziona sviluppando un sistema per tenere sollevato la parte bassa del sacco o delle bretelle interne per tenerlo alto, un po’ come quelle dei tutoni d’alta quota in piuma…

Ultime luci della sera durante il bivacco sulla aerea sommità della seconda torre della lunga cresta Ovest del Salbitschen ph. credits: Ludovico Musesti

Peso 473 grammi per 195 cm di lunghezza, dimensione da chiuso 15×20 cm

Tessuto esterno in Poliammide 7 denari e imbottitura in piuma 90/10 con 800 fillpower e certificazione bluesign

Temperatura comfort: +6°, limite +1°, extrem -13°